Tag Archives: pubblicità

NON taggare persone su immagine di prodotto per fare pubblicità

Taggare nelle fotografie pubblicate sui social media permette di indicare nome e cognome  della persona (ovvero il tag) il cui volto compare nell’immagine. Si tratta di un potente mezzo per la diffusione dell’immagine interessata perché la fa visualizzare direttamente nei profili delle persone taggate ed è visibile da tutti i loro amici, inoltre la persona taggata può sapere facilmente i riferimenti alle immagini in cui è coinvolta.

Facebook descrive le funzioni in questa pagina https://www.facebook.com/about/tagging  https://www.facebook.com/help/366702950069221 e https://www.facebook.com/help/463455293673370/

L’algoritmo di face detection in Facebook evidenzia l’area dell’immagine in cui compare un volto umano con alta probabilità, perché si crea un modello in base ai tratti del volto di una persona, come la distanza tra gli occhi, il naso e le orecchie, altre informazioni qui https://www.facebook.com/help/218540514842030 . Facebook consente ugualmente di taggare una persona anche su un’area non contenente un volto umano perché l’algoritmo potrebbe non avere trovato il volto umano interessato.

Alcune attività commerciali su Facebook approfittano di questa opportunità e pubblicano una fotografia di un prodotto accompagnata con decine di persone taggate, ma non si trova nessun volto umano delle persone coinvolte. Questa pratica commerciale permette la visualizzazione del prodotto nei profili personali delle persone senza nessun pagamento a Facebook, magari qualcuno dei taggati apprezza il prodotto e clicca MiPiace o la condivide verso gli amici aumentandone la diffusione.

Si tratta di una forma di pubblicità con effetti negativi, in grado di causare pesanti danni alla reputazione dell’azienda creatrice.

Dal punto di vista dell’utente, è come trovarsi un cartellone pubblicitario direttamente in casa senza che abbia fornito il permesso di attaccarlo, inoltre riceverà la notifica per ogni commento scritto, potrebbe trovarlo fastidioso e segnalare l’abuso a Facebook. La persona taggata può rimuovere il tag per non continuare ad essere coinvolta contro la sua volontà, può impostare la privacy a questo link https://www.facebook.com/settings?tab=timeline e per disattivare i suggerimenti dei tag per le foto in cui si compare occorre seguire le istruzioni spiegate in https://www.facebook.com/help/187272841323203 Tutto ciò al costo di perdere tempo per eseguire alcuni click, di certo non lo farà con piacere e potrebbe arrivare a togliere il MiPiace dalla pagina dell’azienda.

Se qualche persona taggata subisce una verifica della sua identità da parte di Facebook, sarà costretta a riconoscere chi è presente in alcune immagini estratte a caso contenenti tag di persone, gli sarà impossibile rispondere correttamente su un’immagine che non ha fatto lui e che contiene i tag verso decine di persone sconosciute.

L’azienda espone l’elenco dei suoi clienti ricostruibile grazie ai nominativi visualizzabili con l’immagine, qualche concorrente potrebbe seguire i link verso i profili personali per studiare la clientela e per mandargli offerte più vantaggiose.

In conclusione, gli autori di questo blog sconsigliano questo approccio alla pubblicità in quanto eccessivamente intrusiva negli spazi sociali privati, si corre il rischio di essere classificati come generatori di spam e subire pesanti conseguenze negative.

Controllare Facebook Ads tramite dispositivo mobile

Chi ha comprato pubblicità in Facebook, per spingere l’acquisto dei prodotti che mette in vendita, ha un nuovo modo per controllare tramite un dispositivo mobile il rendimento degli annunci acquistati. Facebook ha annunciato l’introduzione di Ads Manager mobile su https://www.facebook.com/business/news/manage-facebook-ads-on-the-go.
Attraverso l’iOS o Android apps (o il sito web mobile), gli inserzionisti possono utilizzare Ads Manager per: mettere in pausa o riprendere le campagne, modificare budget e pianificazioni, rispondere agli avvisi, e svolgere tutte le altre tipiche funzioni.
Nel blog di Facebook viene indicato che questa funzione sarà disponibile a tutti gli inserzionisti per la fine dell’estate.
Per vedere un esempio della grafica dell’applicazione si può andare su https://www.facebook.com/business/news/manage-facebook-ads-on-the-go.