Monthly Archives: October 2014

Social Commerce, l’opinione di Emilio Bonura

Riprendiamo il resoconto del dialogo avuto con Emilio Bonura, dopo la prima parte pubblicata precedentemente, in questa seconda e ultima parte ci concentriamo sul Social Commerce.

Per potere avere un buon traffico formato da persone che visitano il nostro sito, non dobbiamo dimenticarci di lavorare con i Social Media ove la visibilità e l’engagement del nostro prodotto, aumenteranno a seconda dell’investimento che andremo a fare, di cui Emilio consiglia una cifra iniziale di almeno 15/20 euro al giorno (se si lavora in un ambito locale), molto di più in un ambito nazionale.

I Social Media aiutano a portare traffico sulla tua pagina Facebook è di riflesso sul tuo sito internet ma questo avviene anche al contrario se dovessimo lavorare con Google Adwords.

Facebook lavora in modo particolare sulla ricerca latente, cioè fa vedere le cose che piacciono a te quando non le stai cercando intenzionalmente, soprattutto, ti aiuta ad intercettare eventuali commenti negativi e a fare del customer care con i clienti.

Oggi fare customer care sui Social, in modo particolare su Twitter ma anche in maniera attenta su Facebook, ci offre la possibilità di intervenire in tempi strettissimi su eventuali problematiche e sui prodotti acquistati dai clienti a richieste dei medesimi, lavorando sulla disponibilità e la cortesia. Questo approccio aiuta l’azienda a capire le problematiche ed eventuali richieste dei suoi clienti e intervenire sul prodotto venduto, ma anche sulla vendita di eventuali prodotti futuri.

Soffermandoci in modo particolare sul SOCIAL-COMMERCE, oggi esistono diverse opportunità di fare un investimento modesto per iniziare a vendere o a far conoscere i tuoi prodotti su Facebook.

L’economicità del progetto consiste nella logica di avere una piattaforma già impostata e alcuni strumenti come “Facebook Offers” e il tasto “Buy”, che aiutano ad entrare nel mondo dell’e-commerce.

Infatti, Facebook Offers da la possibilità con un investimento minimo, a partire da 39,00 euro, di impostare una campagna per la vendita di un prodotto o di un servizio, dando la possibilità in maniera guidata, di impostare una sorta di coupon elettronico, che scaricandolo, offre la possibilità di interagire con il tuo punto vendita fisico, inserendo all’interno del volantino elettronico un codice di sconto per l’acquisto di un particolare servizio o prodotto.

L’esperienza fatta nel lavorare con un social-commerce fa capire che le persone sono sui social per guardare e leggere in maniera scanzonata informazioni, notizie, relazioni tra simili, ma non ama che le venga propinato o venduto qualcosa.

Qualcuno parla di “cazzeggio” su Facebook, ma tale azione  continua per fortuna ad esistere, forse è anche questo il continuo successo del gioiellino di Mark Zuckenberg, (infatti noi assimiliamo più informazioni quando “giochiamo e ci divertiamo”), sempre di più, Facebook sta diventando un ottimo strumento per presentare la propria azienda e per fare conoscere i prodotti di punta della propria azienda, anche per via della sua precisa targetizzazione con cui ci interessa interagire.

Partendo dal presupposto che Facebook lavora sulla domanda latente, è un po’ come essere al bar tra amici, “io ti parlo di un argomento, ti offro un consiglio,  su una mia esperienza o un mio acquisto e te ne parlo, non necessariamente vuol dire che domani mattina quella stessa esperienza venga immediatamente replicata”.

Nei Social ci sono tanti stimoli che distraggono dall’acquisto, ma nel contempo il Social-Commerce offre la possibilità di fare conoscere l’azienda e i suoi prodotti, per renderla più simpatica agli utenti, per strizzare l’occhio ai giovani e ad una generazione di potenziali clienti e acquirenti di prodotti su piattaforme e-commerce.

Oggi esistono piattaforme social da utilizzare per aprire negozi virtuali su Facebook come: Blomming, Pagemodo, Cardspring (piattaforma acquistata da pochi giorni da Facebook), Shopify come sorta di vetrina di prodotti di lusso (almeno per adesso), Pinterest o Fancy.

Non per ultimo, si dice che THE CONTENT IS KING: i contenuti sono una parte preponderante del successo di un e-commerce, soprattutto in ambito Social, se non hai qualcuno che parla di te, se non hai persone che creano articoli ad hoc sui tuoi prodotti, se non hai dei blogger che recensiscono i tuoi prodotti, il tuo investimento è seriamente a rischio di fallimento, un po’ come il negozio reale, se ti preoccupi solo di creare la tua attività e non ti preoccupi di pubblicizzarla e di farla conoscere anche tramite il convenzionale “passaparola”, molto probabilmente non avrai vita lunga.

Il passaparola reale e virtuale si crea con qualcuno che parla bene di te e della tua attività, ma soprattutto bisogna sapere intercettare chi ne parla male, per capire le problematiche e cercare di portarle a tuo favore, per migliorare il servizio al cliente.

Senza contare che tutto questo lo si può fare soltanto se si hanno persone competenti che ti seguono, ma che hanno un costo, (niente amici e niente cugini)!

Analisi statistica dei social network con Microsoft Excel

Il 22 ottobre 2014 alle ore 12 presso la fiera SMAU Milano Roberto Marmo, co-autore del libro “Vendere con il Social Commerce“, parlerà per cinquanta minuti di “Analisi statistica dei social network con Microsoft Excel“, scheda di presentazione nel sito web di SMAU . Per un biglietto omaggio di ingresso scrivere email con oggetto Smau2014 a questo indirizzo, è possibile seguire gli eventi su Twitter usando #smau.

Microsoft Excel è il noto programma per la gestione di fogli elettronici, grazie alle potenzialià delle recenti versioni e alla disponibilità di pacchetti come NodeXL è possibile analizzare i dati che si creano tra le persone mentre interagiscono nel network. Con questo approccio chi opera nel Social Commerce può analizzare i dei dati generati dalla piattaforma di vendita al fine di migliorare le sue prestazioni, occorre solo studiare le tecniche e impiegare il tempo necessario.

Su Twitter acquisti online con il tasto Buy

A settembre 2014 Twitter ha annunciato la disponibilità del tasto Buy con cui un gruppo ridotto di iscritti, per ora, può comprare ed effettuare una donazione in denaro. Tra i partner di Twitter che partecipano al test, i gruppi musicali Panic! At The Disco e Soundgarden, i rivenditori Home Depot e Burberry, l’ong The Nature Conservancy, molti altri.

Su YouTube  è disponibile un video demo con titolo “A new way for you to make purchases on Twitter“, l’annuncio è stato fatto sul blog aziendale.

Con questo esperimento Twitter vuole entrare nel mercato in forte crescita del mobile commerce, speriamo di vedere presto questa funzionalità anche in Italia.